vendredi 7 octobre 2011

U tistamentu di Dick Silver (1,2,3/...)

Una nuvella di
Jean-Yves Acquaviva

I

Una furesta di u Northumberland u 7 di maghju di u 1972.

A prima petra ùn si sà quale hè chì l'avia lampata. L'omu in fondu à u tafone piscò in bocca, u so lapru suttanu scuppiò è un filu di sangue li corse nant'à u bavellu. I trè zitelli u vardavanu mezu intransanditi dapoi una bella stonda senza sapè chì fà, 'ssa prima petra fù ella à decide di a seguita. Ùn era a prima volta ch'elli tumbavanu, di regula eranu animali à falà in u fossu, prede faciule stanche d'avè cercu à arrappacà si per fughje 'ssu lacciu. I pigliavanu à panculate à sin'à fà ne stracci inerti è dichjangulati, i stirpavanu à pitrate è ùn ci era mai statu bisognu di sapè quale hè ch'avia sfrumbulatu u primu, a facianu d'un stessu lampu. Dui masci è una femina, trè zitillacci chì avianu trovu, in 'ssu ghjocu crudellu, una manera di culmà l'annoiu ch'elli cridianu di pate.

Dopu à a prima, nascì u dilughju. L'omu s'era indinuchjatu è pruvava à parà e petre cù e so bracce. Difesa vana chì n'affaccava da ogni parte, grosse, chjuche, pinzute è ognuna li tazzava a carne. Avia finitu per stracquà si nant'à u spinu, stava cum'è Cristu in croce, paria d'accittà a so sorte. I zitelli piantonu quand'elli funu sicuri chì l'ultimu soffiu di vita avia tralasciatu l'omu. Firmonu un mumentu ingutuppati da un silenziu di piombu, era cum'è s'elli intrissinu in cumunione, cum'è s'elli sugillessinu u pattu taciutu chì avia da lià li per u restu di a so vita. In a campagna, ùn si sintia cà u dolce rimore di a vita, l'acelli à chjuchjulà, u frascume di l'alburi stuzzicatu da u trattu è u sussurime di l'onda dolce di u fiumicellu vicinu. Tuttu era pace avà, una pace chì paria assuluta è eterna, u calmu dopu à u furore ch'elli avianu scatinatu senza mancu pinsà ci, eranu solu zitelli in brama di culmà u so annoiu. È si n'eranu andati à d'altre primure, lascendu l'omu marturiatu, incrucifissatu per sempre in 'ssa pustura strana, mai più ùn ne parlarianu, mai più ùn amintarianu 'ssi fatti. Ùn avianu mancu vistu u saccu rossu mezu cupartu da e petre.


II

Circondu di London u 21 di farraghju di u 1990, 8 ore è mezu di mane.

Mark Littlewhite stava cù l'angoscia in corpu. Prima di puntà u purtone di u casone tirò di a so borsa i scartaficci ch'ellu ci avia infrugnatu una oretta nanzu è i lesse un'antra volta.  " Puttana, sguasi vint'anni à circà à scurdà mi di tuttu què è avà mi vene torna in bocca." Parlava solu, era una abbitutine ch'ellu avia è chì u facia passà per scemu qualchì volta. Tinia in manu, un pezzu di giurnale vechju, ingiallitu da u tempu è una lettera chì paria, ella, esse stata scritta a viciglia. Era quessa dinù chì li dava affanu, vista a signatura in fondu à a pagina, ùn pudia esse stata fatta di pocu. Era un testu cortu, ziffratu da un nome chì Mark ùn avaria cridutu di sente o leghje torna un ghjornu.

London, u 5 di farraghju di u 1990.

Caru amicu, sò passati l'anni, sò corse e stagione ma sò sicuru ch'in un scornu bughjicosu di a to mimoria, ghjace a salma di u mio ricordu. Ùn pinsà ch'o ti scrivu da l'aldilà, a socu ch'è tù mi credi mortu, sò custì, vicinu, vicinu è da quì à pocu ci scuntraremu torna è ti piacerà di menu cà l'ultima volta, a ti prumettu.

DICK SILVER.

"Dick Silver ! Puttana vercia, sicura ch'o ti credu mortu, chì t'aghju vistu cappià u to ultimu suspiru ! " Intrì in a casa, fece dui passi è trasaltò da u rimore seccu di l'usciu chì s'era sarratu daretu à ellu. Rimesse a lettera in stacca è pose u so sguardu nant'à a pagina di u vechju giurnale, un tamantu titulu ci era stampatu : "A fine di Dick Silver, u strippadore di u Northumberland". Scuzzulò u capu, piigò u fogliu in quattru è u ficcò dinù in a so borsa. Pisò l'ochji, fighjò in giru à ellu per scopre a pezza immensa duve ellu si truvava. Una sala d'una cinquantina di metri quatrati, inchjappillata di marmaru, dicurata di statule è di pitture è supranata da una volta d'una altezza scema. Un domu urnatu d'una fresca turchina è oru chì riprisintava un celu spurgulatu è prufondu à svene si. In faccia à ellu, un muru biancu cù nant'à i so lati, duie scale smisurate chì cullavanu cum'è dui catalorzi senza fine. In pede à u muru biancu, un tavulinucciu è trè futtoglii culor'di sangue. Un suspiru è Mark s'era avvicinatu à passi lenti, stallatu in u futtogliu di manca, postu e so bracce nant'à l'appughjatoghji è appingatu u so sguardu nant'à l'usciu di l'intrata, cum'è s'ellu s'appruntava à aspittà à qualchì sia.


III

Blyth, piccula cità di u Northumberland, u 7 di maghju di u 1972, 8 ore è mezu di mane.

Fox Youngsand cridia d'avè una vitarella tranquilla pigliendu 'ssu postu in una piccula cità campagnola. Era statu dui anni pulizzeri in Manchester è l'eranu parsi seculi. Ùn suppurtava micca a viulenza, u cuntattu di a miseria è di u crimine. 'Ssi pochi ghjorni, si dicia ch'avaria fattu megliu à stà si ne quallà cù i ladri, i sciuttati è e puttane di i carrughji foschi.
Ogni mane, dapoi una simana, era chjamatu per custattà chì u schifeghju campava ancu in i lochi i più chieti. Ogni mane, scupria e prove di quellu chì a stampa naziunale avia digià battizatu : "U strippadore di u Northumberland" è ogni mane ne pirdia l'appitittu. Sempre a listessa scena, un omu stracquatu nant'à u tavulinu di a cucina, un cultillone ficcatu in pettu è u corpu apartu cum'è un purtellu à u mese d'aostu. Sei ghjorni, sei baschicci svintrati à l'ora di u caffè à latte è sta mane u settimu. C'era quantunque un picculu cambiamentu nant'à a 'ssa scena quì, a vittima era una donna è à sente i vicini, u so ciucciu era smaritu. Era una femina chjamata Tess, avia solu sei mesi, un bellissimu surisu è ùn cappiava mai u so orsu neru. À sin'à 'ssa mane quì, Fox, ancu per esse statu stumacatu da ciò ch'ellu avia vistu ùn avia intesu nè cumpassione nè tristezza per e vittime ma una ciuccia in manu à un mostru cum'è quessu, 'ss'idea u marturiava. L'avia furzatu à toglie di a so mimoria certi ricordi di a so zitellina, à turnà à apre certe piaghe ch'ellu cridia chjose per sempre.
À u terzu mortu, l'omi di Scotland Yard eranu scalati, cù tutta a so putenza di focu lascendu Fox à rent'à strada è fendu li capisce senza dicoru ch'elli si passarianu di a so aiuta di fliccu campestru.

1 commentaire:

  1. J'ai connu un Dick Silver , mais où??

    Minchjudargentu

    RépondreSupprimer