vendredi 29 octobre 2010

Ricordi di Sternà

Una nuvella di
Petru Felice Cuneo-Orlanducci

Oghje, malgratu ch’o fussi dapoi parechji seculi in pussessione di a mio libertà a più sana, mi vene sempre l’amarezza quandu ripensu à i centu cinquant’ottu anni passati nant’à Sternà. Sternà ? Una bella pianetta di u sistema nosclurianu, duve l’aria hè assai ussigenatu, duve correnu i fiumi d’un’ acqua linda, è duve si ponu truvà tamante mine d’oru è di diamante, ma per mè, sta pianetta fù sinonima d’infernu.

Dopu à esse partutu di Gherccebà per andà fin’à Saturna duve deviu ritruvà à tutti i mio amichi, m’anu chjappatu i Lumakuti, dopu à una corsa-perseguita infrebbata, à a fine di a quale, à rombu di tirà nant’à u mio vascellu, m’anu ubligatu à pònemi nant’à una luna di Saturna duve m’anu pigliatu.
Prestu prestu, un Cummandante-Guvernore Lumakutu, sott’à l’ordine di l’Imperatore Supranu Immurtale, m’hà cundannatu à u bagnu à vita in a mina di diamante di Cernao, nant’à Sternà. Eru cundannatu à zappà tutta a mio vita quallà per truvà diamanti per l’usu di i Lumakuti, per a più grande gloria di Darnsfunt. Eru cundannatu, eru dannatu.

Ghjuntu nant’à Sternà, u vascellu carcerale sì posti à a vicinanza di a mina di Cernao. Trè milla prighjuneri, cum’è mè, di a barbaria funi lampati fora à calci. I nostri guardiani eranu infami, è crudeli. Ci lamponu prestu in a mina à zappà e petre. Eramu tutti, eiu è i mio fratelli è surelle di sfurtuna, incatinati mani è pedi durante a corte notte di Sternà, è u ghjornu, eramu staccati per pudè zappà. Nutritura, ùn ci ne era ch’è pocu è micca, solu un’ infama mistura d’acqua brutta incù una spezia di zuccaru digeneratu chì dispiaceria ancu à i porchi, ma à a quale avemu devutu abituàssi fin’à cunsideràlla cum’è una robba di e più squisite. Passavamu tutte e ghjurnate à zappà, à zappà, è à zappà sempre di più per truvà diamanti ch’è no mettiamu in i nostri tinti sacchi incù una spezia di disprezzu chì s’assumigliava à quellu di e ghjente richessime ch’ùn anu ch’è troppu petre preziose per fànne casu, ma u nostru, u disprezzu, s’addirrizzava piuttostu à u valore illusoriu di ste qualche petre, à l’orighjine di a nostra schjavitù. D’altronde, quandu venia a sera, ci era sempre un contramaestru lumakutu chì venia è impatruniscesi di i nostri diamanti per mandàlli nant’à a so pianetta. Eccu u solu fruttu di i nostri sforzi, à noi miserevuli schjavi,chì ci era arrubatu, cum’elli avianu arrubatu a nostra libertà, a nostra vita, ma micca a nostra dignità, chì degni, fieri è diritti firmavamu, micca fieri d’esse in a schjavitù, ma fieri d’avè tenutu a nostra mente sempre libera. E catene vere ùn sò ch’è quelle chì impediscenu di pensà è d’esse noi, è noi, ben’ch’è intravati à l’ultimu gradu, è privi di a libertà d’agìsce, teniamu sempre, per certi di noi, a libertà di pinsà.

Ma mai ùn perdìu spiranza durante tutti st’anni. Puru eru podassi u solu à tene sempre in u mio corre a sperenza d’ùn more micca quì. Ogni ghjorni ci cacciava sempre un paghju di fratelli di castigu, è malgratu tuttu u tempu passatu quallà, vi possu dì ch’ùn aghju mai avutu u tempu di fàmmi veramente un solu amicu, chì ùn si vidia micca a stessa ghjente più d’un mese à a seguita, chì eramu sempre traspurtati d’un locu à un altru di l’immensu bagnu di Cernao, precisamente per impedisceci di fraternizà trà di noi. Ma s’era quantunque stallata trà di noi una spezia di pinsata cumuna, di stintu di gruppu, di sulidarità implicita chì ci impedia, malgratu a nostra trista sorte, di diventà trà di noi lupi accaniti, à l’eccezzione di quelli chì perdianu ancu a libertà di pinsà.

Quantu ne aghju ricordi di st’anni bughji è neri, parechji ricordi d’una faccia, d’un surrisu, di qualche parolle prununciate à l’appiattu quandu a sperenza ùn ferma più ch’è l’unica richezza chì stà in la mente. Quandu i fiumi di sperenza si perdenu in a rena di un disertu d’addisperu.

È puru, hè infine ghjuntu lu ghjornu duve u mio fiume di speranza hà infine vistu lu mare. Hè accadutu dopu à centu cinquanta ottu anni dopu à a mio ghjunta quì, in stu locu maladettu di sudore, di sangue è di suffrenza infinita. Stu ghjornu quì, ghjornu ch’ùn dimenticheraghju mai fin’à a mio morte, eranu ghjunti in Cernao una centina d’avventurieri lumakuti, venuti quì per arrubbàcci diamanti. Assaltonu a mina incù fucile è materie splusive, allora chì i contramaestri si ghjuvavanu di noi schjavi cum’è paracolpi vivi. In u periculu ancu più grande ch’è d’abitutine, eramu parechji à aspettà a morte cum’è una liberazione. Per mè dinù, chì era quì dapoi più d’un seculu, a morte seria stata più ch’è una liberazione è a fine d’un sunniacciu, ma teniu sempre in mente un palmu di sperenza. A morte, ss’amanta maladetta chì mai ùn m’avia chjappatu durante tutti st’anni di schjavitù, di sevizii è altri strazii, ne eru sicuru, ùn pudia più nunda contr’à mè, è aviu decisu chì malgratu tutti l’anni passati quallà, ùn compieriu mai a mio vita in a schjavitù à Cernao. L’aviu decisa prima, è sta decisione era stata a mio maestra principale durante tutti st’anni.
Frà u fume, frà u focu, frà i pienti, è frà a disulazione di stu ghjornu, mi sentiu rinvivì d’una vita nova. Ùn mi primurava mancu più di nunda, nè di u fiscu di e pale, nè di u frombu di i cannoni, nè di u tonu di e splusione, nè mancu di tutti l’ordini di i contramaestri. Ùn vidiu ch’è stu picculu vascellu abbandunatu, à l’appiattu ma da u quale, nimu ùn paria primuràssi, cum’è mè d’altronde, eiu chì, senza nè corre nè mancu piattàmmi, prufittendu di a cunfusione ghjenerale, m’impatrunìu di sta sola manera per mè di piantà quì è oghje u mio sunniacciu per rivene à u lume è à u ghjornu.

In fattu fughjìu senza troppu prublemu u bagnu di Cernao, u spaventu di Cernao, chì l’altri eranu troppu occupati per occupàssi di mè, incù u solu rigrettu di lascià quì tutti l’altri prighjuneri di i Lumakuti, fratelli è surelle in a lotta per firmà arrittu malgratu tanti danni.
I rigretti sò cum’è una bestia infama, dolce è crudela chì manghja pianu pianu l’anima, campendu nant’à i ricordi, è invelenendu a mente. Quantu ci aghju pinsatu à tutti i disgraziati chì, cum’è mè, eranu prighjuneri quallà. Ci pensu sempre oghje, tant anni dopu à ste crudele stonde, è malgratu u fattu, accadutu parechji ghjorni dopu, chì Cernao fù assaltatu una volta di più, ma da l’armata cariutiana chì per impatruniscesi di i diamanti di Sternà, ne avia prufittatu per liberà tutti i schjavi chì riescinu infine à rientrà in i so lochi, compiendu infine anch’elli un longu spaventu.

Aucun commentaire:

Publier un commentaire