samedi 30 octobre 2010

A Vistica (1/17)

Una nuvella di
Jean-Yves Acquaviva

 
I

L’alba spuntava, Roccu si discitava. Ùn avia ancu apartu l’ochji chì un surrisu tamantu s’era digià appiccicatu à e so lapre. Un surrisu di cuntintezza, di piacè, sempre u listessu quandu ellu escia d’una nutatta passata in cumpagnia di a giuvanotta di i so sogni. Ùn era micca una fiura, ‘ssa dunnarella ùn campava c’à di notte, vinia à illuminà u so sonnu. Micca ogni volta, ma di tantu in tantu a scuntrava per i chjassi di e so sunniate. Era tale un sole. Un sole di quelli chì facenu luce e campie intinte di guazza. È u so calore li scaldava u core è l’anima. Ùn ne sapia nulla di ‘ssa zitella, nè nome, nè casata, nè mancu s’ella esistia fora di i so sogni. Ma li si paria di cunnosce la dapoi e millaie di e millaie di l’anni. Era bionda, fine è i so ochji eranu cum’è dui pozzi turchini duve ci saria, di sicuru, un tamantu piacè à annicà si. Era tutta dulcezza, una persona fatta carezza. Ogni sera, Roccu si chjinava cù a sperenza di scuntrà la, di passà si una stonda cun ella à parlà o ancu, simpliciamente à vardà la. Eranu parechji mesi avà ch’ella durava, chì ‘ssi scontri nuttuloni vinianu à imbulighjà si à a vita reale di u giuvanottu. È, avia di più in più fastidiu à ùn crede ci in veru. Sogni n’avia fattu d’altri, ma quessi eranu cusì chjari. À tal’puntu chì ùn imaginava mancu più vardà un’antra donna. Era quessa ch’ellu aspittava è ancu per ùn esse c’un sognu, a sperenza di truvà la un ghjornu, per avà li bastava. Roccu avia vint’anni è stava solu.

U so babbu è a so mama eranu morti tramindui in un accidente di vittura dui anni nanzu. Solu, micca surelle nè fratelli. A sulezza ùn li pisava micca. Era tristu d’avè persu i soi ma, ùn s’era mai interrugatu nant’à a so vita stessa, campava dicendu si chì a strada di l’omu era forse tracciata è c’ùn si pudia più torce. Era un bellu zitellu, maiò, forte fisicamente ma dinù intelligente. Ùn era micca stata a scola à empie li u ciarbellu chì c’era andatu senza passione. U so più grande difettu era sempre statu una curiosità quasi malativa. Oghje era ancu una qualità, ma da chjucu u so babbu li rimpruverava à spessu di vulè sapè tuttu senza mai amparà nulla. Passata a zitellina l’era vinuta una brama tamanta di leghje, di cunnosce, di scopre ogni sicretu di u mondu. S’interessava à tuttu, storia, literatura, tecnulugia. Ogni stonda d’asgiu era cunsacrata à a lettura, à a ricerca. ‘Ssa curiosità chì l’avia impeditu d’esse un scularu di prima trinca, era oghje ammaestrata. A vita di Roccu era di sognu è d’amparera ma era dinù di realità.

Avia sceltu u mistieru di pastore, quellu chì li paria u più vicinu di a so manera di cuncipisce l’esistenza, dura ma di libertà, senza nimu nè nulla d’astru c’à u celu sopra à ellu, sia spurgulatu o foscu. Un annu in daretu, avia compru una banda di capre è pianu, pianu amparava ancu custì à cunnosce ne i misteri. Avia lettu parechji libri nant’à u sugettu, ma avia capitu in furia chì a verità ùn si piattava nentru. Ci vuleria à amparà da elle, da a tarra, da una sparmintata fatta di gioie è di dilusione maiò. Era cusì, era a so strada, u so distinu, u solcu chì li ci vulia à suvità. Avia pinsatu à d’altre manere di campà, à d’altri lochi ma era cum’è s’è una forza suprana l’intergava à stà quì. Iè, saria mezu à e sponde di Falasorma chì a vita di Roccu s’avia da scorre, inquant’à a giuvanotta di i so sogni, l’aspittaria cun pacenza ma l’aspittaria quì. In ‘ssu locu fattu di machjoni sarrati, duve ellu avia tantu piacè à stà. Vinaria, a sapia, avia ‘ssa certezza in fondu à u so core. I so distini eranu liati, e so strade cumune. Cumu ? Quandu ? Quessa ùn la sapia ma, di a stessa manera ch’ellu era sicuru chì a so scelta d’esse pastore era a bona, era dinù sicuru di pudè un ghjornu, accarizzà di u so sguardu u visu cusì bellu di ‘ssa zitella surgita in e so nuttate.

Intantu, ci vulia à andà à mugne. Eranu cinqu’ore è mezu è Roccu era surtitu di a casa per cullà si ne à sin’à u baraccunacciu chì per avà, li ghjuvava di mandria. Ma quessa avia da cambià. A simana dopu avia da vene un’intrapresa à fà li u scassu per custruisce ne una nova. A faria da per ellu, cù e so mani, u so sudore è i so quattru soldi. A vidia digià, bella, maiò è ascosa da i timpurali. Ma prima ci vulia à rode un pezzu di granitu per fà li una piazza à sulana.

Aucun commentaire:

Publier un commentaire